Monthly Archives: dicembre 2015

Programma del corso

LE PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI CHE OPERANO SENZA STABILIZZATORI

(D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 73 – Allegato V Accordo Stato Regioni del 22/02/2012)

Corso di 8 ore

IN AULA (8 ore)

 

  1. Modulo giuridico (1 ora)

Presentazione del corso – Normativa generale

Normativa generale

Normativa di riferimento attrezzature di lavoro

Responsabilità dell’operatore

 

  1. Modulo tecnico (3 ore)

Categorie di PLE

I vari tipi di PLE e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche

 

Componenti strutturali

Sistemi di stabilizzazione, lineamento, telaio, torrette girevole, struttura a pantografo/braccio elevabile

 

Dispositivi di comando e di sicurezza

Individuazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento

Individuazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione

 

Controlli da effettuare prima dell’utilizzo

Controlli visivi

Controlli funzionali

 

DPI specifici da utilizzare con le PLE

Caschi, imbracature, cordino di trattenuta e relative modalità di utilizzo inclusi i punti di aggancio in piattaforma

Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi

Analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nell’utilizzo delle PLE

Spostamento e traslazione, posizionamento e stabilizzazione, azionamenti e manovre, rifornimento e parcheggio in modo sicuro a fine lavoro

Procedure operative di salvataggio

Modalità di discesa in emergenza

Valutazione intermedia

Svolgimento di una prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta multipla. Il superamento della prova teorica consentirà il passaggio al modulo pratico.

 

  1. Modulo Pratico (4 ore)

Modulo pratico: PLE che possono operare senza stabilizzatori

Individuazione dei componenti strutturali

Sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta, girevole, struttura a pantografo/ braccio elevabile, piattaforma e relativi sistemi di collegamento

 

Dispositivi di comando e di sicurezza

Identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione

 

Controlli pre-utilizzo

Controlli visivi e funzionali delle PLE, dei dispositivi di comando, di segnalazione e di sicurezza previsti dal costruttore e dal manuale di istruzioni della PLE

 

Movimentazione e pianificazione delle PLE

Spostamento delle PLE sul luogo di lavoro e delimitazione dell’area di lavoro

 

Esercitazioni di pratiche operative

Effettuazione di esercitazioni a due terzi dell’area di lavoro, osservando le procedure operative di sicurezza. Simulazioni di movimentazioni della piattaforma in quota

 

Manovre di emergenza

Effettuazione delle manovre di emergenza per il recupero a terra della piattaforma posizionata in quota

 

Massa a riposo delle PLE a fine lavoro

Parcheggio in area idonea, precauzioni contro l’utilizzo non autorizzato. Modalità di ricerca delle batterie in sicurezza

 

  1. Valutazione finale

Svolgimento delle prove pratiche di verifiche finali secondo l’accordo Stato Regioni Attrezzature del 22/02/2012.

IL RPF redige un apposito verbale di valutazione

 

Conclusione

Debriefing e discussione finale

Test di gradimento

 

 

 


Aspetti metodologici ed organizzativi

Riferimenti normativi e soggetto formatore

Questo corso si svolge in attuazione dell’art.73 del D. Lgs. n. 81/2008 e Accordo Stato Regioni 22/02/2012.

Il soggetto formatore legittimato ope legis individuato ai sensi dell’Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012 (Atto n. 53 GU n. 60 del 12/3/2012) di cui all’art. 73, comma 5 del D. Lgs. 81/2008, in quanto in possesso delle caratteristiche di cui alla sezione B, punto 1.1. Lettera d) è AiFOS, Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul lavoro, con sede legale in Brescia, c/o CSMT – Università degli Studi di Brescia, via Branze n. 45.

Responsabile progetto formativo

Il Responsabile del Progetto Formativo è persona nominata da AiFOS, soggetto formatore per lo svolgimento e l’organizzazione del corso in loco (Accordo Stato- Regioni del 22/02/2012, punto 3.1.1, lettera a).

Finalità del corso

Il corso ha l’obiettivo di fornire ai partecipati nozioni teorico e in particolare pratiche per l’utilizzo delle PLE che operano senza stabilizzatori.

Destinatari

Operatori addetti all’utilizzo delle PLE che operano senza stabilizzatori

Numero massimo partecipanti 24 unità. Per le attività pratiche il rapporto istruttore/allievi non deve essere superiore di 1 a 6 (un docente per ogni 6 allievi).

Metodologia

Il corso è caratterizzato da una lezione teorica in cui si privilegeranno le metodologie didattiche interattive, che pongono l’attenzione sul bisogno del partecipante e da una pratica sul campo.  La visione e utilizzo e la prova delle PLE che operano senza stabilizzatori aiuteranno il partecipante nella prova pratica finale.

Docenti ed Istruttori

I docenti hanno esperienza documentata, almeno triennale, sia nel settore della formazione sia nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

Gli istruttori hanno esperienza professionale pratica, documenta, almeno triennale, nelle tecniche di utilizzazione delle attrezzature.

Dispense

Ad ogni partecipante verrà consegnato un CD Rom, o dispensa cartacea, contenente documenti di utilizzo e di lettura utili a completare la formazione conseguita.

Idoneità dell’area e disponibilità delle attrezzature

Per le attività pratiche vengono attuate le seguenti condizioni

  1. Un’area opportunamente delimitata con assenza di impianti o strutture che possano interferire con l’attività pratica di addestramento e con caratteristiche geotecniche e morfologiche (consistenza terreno, pendenze, gradini, avvallamento ecc) tali da consentire l’effettuazione di tutte le manovre pratiche.
  2. I carichi, gli ostacolo fissi e/o in movimento e gli apprestamenti che dovessero rendersi necessari a consentire l’effettuazione di tutte le manovre pratiche.
  3. Le attrezzature e gli accessori confermi alla tipologia per la quale viene rilasciata la categoria di abilitazione ed idonei (possibilità di intervento da parte dell’istruttore) all’attività di addestramento o equipaggiati con dispositivi aggiuntivi per l’effettuazione in sicurezza delle attività pratiche di addestramento e valutazione
  4. I dispositivi di protezione individuale necessari per l’effettuazione in sicurezza delle attività pratiche di addestramento e valutazione. Essi dovranno essere presenti nelle taglie/misure idonee per l’effettivo utilizzo da parte dei partecipanti delle attività pratiche.

Verifiche e Valutazione

Il corso viene considerato superato qualora i partecipanti abbiano compreso in maniera efficace sia dal punto di vista teorico che pratico le principali tecniche e nozioni riguardanti le attrezzature di lavoro.

Al termine dei due moduli teorici si svolgerà una prova intermedia di verifica che avrà come oggetto un questionario a risposta multipla. Il superamento della prova, che avverrà con almeno il 70% delle risposte esatte, consentirà il passaggio ai moduli pratici specifici. Il mancato superamento comporta la ripetizione dei due moduli.

Al termine di ognuno dei moduli pratici avrà luogo una prova pratica di verifica finale, che consisterà nell’esecuzione di alcune prove pratiche secondo l’accordo attrezzature 22/02/2012.

Tutte le prove pratiche per ciascuno dei moduli devono essere superate.

Registro

E’ stato predisposto un Registro delle presenze per ogni lezione del corso sul quale ogni partecipante apporrà la propria firma all’inizio e alla fine di ogni lezione.

Frequenza corso

L’attestato di frequenza verrà rilasciato a fronte della frequenza del 90% delle ore totali

Attestato

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato individuale ad ogni partecipante, numerato, rilasciato da AiFOS ed inserito nel registro nazionale della formazione.

L’Attestato di abilitazione, redatto sulla base del verbale finale della prova pratica, è firmato dal Responsabile del Progetto Formativo che ne rilascia l’originale ad ogni partecipante.

Il bollino olografo, apposto a cura dell’AiFOS, valida l’attestato originale.

Un patentino di abilitazione plastificato quale “Attestazione” dei dati contenuti nell’Attestato viene rilasciata all’operatore abilitato con indicata la data di scadenza della formazione.

Archivio documenti presso la sede amministrativa del corso

Tutti i documenti del corso, programma, registro con firme degli utenti, lezioni, verbali delle esercitazioni, test di verifica nonché la copia dell’Attestato saranno conservati, nei termini previsti dalla legge, dalla sede amministrativa del corso.

Copia del Registro, delle schede di iscrizione, dei verifiche e dei verbali finali verranno custoditi anche dal soggetto formatore.

Ente Bilaterale

Non è prevista nessuna collaborazione con gli Organismi paritetici o gli Enti bilaterali

 

Contatti

Responsabile Progetto Formativo

Dott. Marco Botta

Tel. 0828333337 – 3334902910

presidente@sophis.biz

 

Programma del corso

Il preposto: Formazione particolare aggiuntiva

( Ai sensi dell’art 19 Comma 1  lettera g,  del Decreto Legislativo  81/2008  –In conformità dell’Accordo Stato Regioni del 21 Dicembre 2011)

 Corso di 8 ore diviso in 2 lezioni di 4 ore

Prima lezione (ore 4)

Introduzione al corso

ARGOMENTI

Cosa deve sapere il preposto

Il preposto nel testo unico

Il ruolo del preposto: Sorvegliare , Vigilare,

Promuovere la sicurezza

Sanzioni per il preposto

Organizzazione della Prevenzione aziendale

Concetti di Rischi ed infortunio

Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali

Organi di vigilanza, controllo ed assistenza

Compiti e responsabilità

Seconda lezione (ore 4)

ARGOMENTI

Le tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori

Organizzazione del lavoro; – Procedure

Analisi delle diverse soluzioni di gruppo

Coinvolgimento attivo dei lavoratori; –

Comunicazione finalizzata alla gestione della sicurezza.

Valutazione dei rischi dell’azienda in cui il preposto opera

Individuazione misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione

Modalità di esercizio della funzione di controllo dell’osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e di uso dei mezzi di protezione collettivi ed individuali messi a loro disposizione.

Test Finale

Questionario finale di verifica dell’apprendimento

Test finale di gradimento

Aspetti metodologici ed organizzativi

Riferimenti normativi

Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono l’incarico di preposto  in applicazione dell’art. 37 comma 7 del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81. e all’ Accordo Stato Regioni 21/12/2011.

Finalità del corso

Il corso vuole fornire ai “preposti” le conoscenze di base della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro in applicazione della normativa italiana ed europea e una maggior percezione del rischio nelle proprie attività lavorative.

Destinatari

Tutti i lavoratori “preposti” di qualsiasi azienda, impresa, servizi, nel settore privato ed il quello pubblico, con qualsiasi tipologia di contratto (fisso, progetto, temporale, atipico).

Numero massimo partecipanti: 35 unità.

Metodologia

Il percorso formativo è caratterizzato da una metodologia didattica fortemente interattiva e applicativa su casi ed esempi reali.

Registro

E’ stato predisposto un Registro delle presenze per ogni lezione del corso sul quale ogni partecipante apporrà la propria firma all’inizio e alla fine di ogni lezione.

Docenti

Tutti i docenti iscritti  all’Aifos hanno una formazione e  competenze pluriennali in  relazione alle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro.

Dispense

Ad ogni partecipante verrà consegnato un CD Rom, o dispensa cartacea, contenente documenti di utilizzo e di lettura utili a completare la formazione conseguita.

Verifiche e Valutazione

Il corso si conclude con un test di verifica dell’apprendimento somministrato ad ogni partecipante. Al termine del corso un apposito questionario verrà proposto per la valutazione finale da parte dei partecipanti affinché possano esprimere un giudizio sui diversi aspetti del corso appena concluso.

Attestato

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato individuale ad ogni partecipante, numerato, rilasciato da Aifos ed inserito nel registro nazionale della formazione.

Il bollino olografo, apposto a cura del CFA valida l’attestato.

Archivio generale della formazione

Tutti i documenti del corso, programma, registro con firme degli utenti, lezioni, test di verifica nonché la copia dell’Attestato saranno conservati nell’archivio della  formazione di Aifos quale documentazione della formazione avvenuta secondo le procedure interne del sistema qualità.

AIFOS Soggetto formatore nazionale

Aderente al CNAI, operante su tutto il territorio nazionale individuato ope legis dall’art. 32, comma 4 del D.Lgs. 9 Aprile 2008,n.81 e Accordo Stato Regione del 26/01/2006) per la realizzazione del corso che ne rilascia il relativo Attestato.

C.F.A. Centro di Formazione Aifos

Struttura  formativa di diretta ed esclusiva emanazione dell’Aifos cui sono stati demandati tutti i compiti amministratiti, organizzativi e di supporto alla didattica ed allo sviluppo del corso (Accordo Stato Regione del 06/10/2006).

Ente Bilaterale

Aifos partecipa all’Ente Nazionale Bilaterale delle Organizzazioni Autonome (E.N.B.O.A.) Promosso dal Cnai e dalla FISMIC.

È presente nei consigli di amministrazione degli Enti Regionali bilaterali delle organizzazioni Autonome (ERBOA) in quota datori di lavoro.

I CFA che erogano i corsi a marchio AiFOS tramite il sistema “Gestione corsi”  sono in regola con gli adempimenti di comunicazione agli enti bilaterali.

Info: CFA Aifos Associazione Sophis – Via Brodolini, 16 – Battipaglia (SA)

Tel e Fax 0828/333337 info@sophis.biz – www.sophis.biz

 

Programma del corso

ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI : PERSONA INFORMATA (PEI), PERSONA ESPERTA (PES), PERSONA AVVERTITA (PAV) INTERVENTI FUORI E SOTTO TENSIONE

(DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81,  COORDINATO AL 106/09 Artt. 82, 83 e NORMA CEI 11-27/3 E NORMA CEI /EN 50110)

Corso di 16 ore

Lezione 1 Prima parte

Il sistema Legislativo

  • Conoscenze teorico pratiche per l’esecuzione di lavori elettrici fuori tensione od in prossimità di parti a tensione pericolosa
  • Legislazione sulla sicurezza dei lavori elettrici (aspetti particolari della legislazione di
  • riferimento secondo quanto indicato nel Livello 1° della CEI 11-27).
  • Le norme di riferimento per l’esercizio degli impianti elettrici (EN 50110-1, EN 50110-2, CEI 11/27).
  • Le responsabilità ed i ruoli delle persone adibite ai lavori elettrici secondo la norma CEI 11- 27.
  • Marcatura CE e conservazione delle attrezzature e dei DPI da utilizzare
  • Effetti dell’elettricità (compreso l’arco elettrico) sul corpo umano e cenni di primo intervento di soccorso
  • Attrezzature e DPI: impiego, verifica e conservazione
  • Procedure di lavoro generali e aziendali; responsabilità e compiti del responsabile degli impianti e del preposto ai lavori; preparazione del lavoro, documentazione,sequenze operative di sicurezza, comunicazioni; cantiere.
  • Criteri generali di sicurezza  con riguardo alle caratteristiche  dei comportamenti elettrici su cui si può intervenire  nei lavori sotto tensione

Lezione 1 Seconda parte

La valutazione del rischio e le emergenze elettriche

  • La valutazione del rischio negli ambienti di lavoro: condizioni ambientali, stesura di un piano di lavoro e di sicurezza con definizione delle misure di prevenzione e protezioni da adottare.
  • Criteri generali di sicurezza per i lavori elettrici sotto tensione: caratteristiche dei
  • componenti elettrici, metodologie di lavoro e principi di sicurezza da adottare.
  • Scelta ed impiego delle attrezzature e dei DPI per i lavori elettrici per lavori fuori tensione od in prossimità di parti attive
  • Effetti sul corpo umano dovuti all’elettricità,: elettro shock ed archi elettrici

 Lezione 2 Prima Parte

Criteri generali di sicurezza per i lavori elettrici sotto tensione

  • Caratteristiche dei componenti elettrici, metodologie di lavoro e principi di sicurezza da adottare.
  • Scelta ed impiego delle attrezzature e dei DPI per i lavori sotto tensione
  • Sistemi per la corretta trasmissione delle informazioni tra persone interessate ai lavori.
  • Lavori elettrici in bassa tensione: definizione, individuazione e delimitazione della tipologia di lavoro da eseguire e del posto di lavoro stesso; preparazione del cantiere; criteri generali di sicurezza da applicare.

Lezione 2 Seconda Parte

Organizzazione e procedure

  • Esperienza organizzativa: valutazione del rischio elettrico e delle condizioni ambientali presenti, preparazione del lavoro, definizione dei ruoli delle persone interessate al lavoro,
  • Stesura di un piano di lavoro e di sicurezza con definizione delle misure di prevenzione e protezione da adottare
  • Sistemi per la corretta trasmissione delle informazioni tra persone interessate ai lavori.
  • Procedure per lavori elettrici sotto tensione: accorgimenti per l’esecuzione in sicurezza delle attività.
  • Dimostrazione della corretta metodologia di esecuzione dei lavori sotto tensione con l’ausilio di sussidi multimediali.

Test Finale

  • Questionario finale di verifica dell’apprendimento
  • Test finale di gradimento

Aspetti metodologici ed organizzativi

Riferimenti normativi

Decreto Legislativo 81/2008 e ai sensi della Norma CEI EN 50110 – 1 e CEI 11 – 27.

Finalità del corso

Il decreto legislativo 81/2008 prevede che l’esecuzione di lavori su parti in tensione sia affidata a lavoratori riconosciuti idonei dal datore di lavoro secondo le indicazioni della normativa tecnica. Il corso fornisce quindi all’operatore le conoscenze teoriche propedeutiche alla nomina, da parte del datore di datore di lavoro ai sensi della Norma CEI EN 50110 – 1 e CEI 11 – 27, di Persona esperta (PES) o di Persona avvertita (PAV), nonché l’attestazione della “Idoneità” a svolgere lavori “sotto tensione su impianti a bassa tensione”

Destinatari

Personale esposto a rischio elettrico. Numero massimo partecipanti: 30 unità.

Metodologia

Il percorso formativo è caratterizzato da una metodologia didattica fortemente interattiva e applicativa su casi ed esempi reali.

Registro

E’ stato predisposto un Registro delle presenze per ogni lezione del corso sul quale ogni partecipante apporrà la propria firma all’inizio e alla fine di ogni lezione.

Docenti

Tutti i docenti iscritti  all’Aifos hanno una formazione e  competenze pluriennali in  relazione alle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro.

Dispense

Ad ogni partecipante verrà consegnato un CD Rom, o dispensa cartacea, contenente documenti di utilizzo e di lettura utili a completare la formazione conseguita. Il materiale costituisce, altresì, una concreta possibilità di consultazione costante e di continuo aggiornamento.

Verifiche e Valutazione

Il corso si conclude con un test di verifica dell’apprendimento somministrato ad ogni partecipante. Al termine del corso un apposito questionario verrà proposto per la valutazione finale da parte dei partecipanti affinché possano esprimere un giudizio sui diversi aspetti del corso appena concluso.

Attestato

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato individuale ad ogni partecipante, numerato, rilasciato da Aifos ed inserito nel registro nazionale della formazione. Il bollino olografo, apposto dal CFA valida l’attestato.

Archivio generale della formazione

Tutti i documenti del corso, programma, registro con firme degli utenti, lezioni, test di verifica nonché la copia dell’Attestato saranno conservati nell’archivio della  formazione di Aifos quale documentazione della formazione avvenuta secondo le procedure interne del sistema qualità.

AIFOS Soggetto formatore

Operante su  tutto il territorio  nazionale individuato ope legis dall’art. 32, comma 4 del D.Lgs.  9 Aprile 2008,n.81 per la realizzazione del corso che ne rilascia il relativo Attestato.

C.F.A. Centro di Formazione Aifos

Struttura formativa di diretta ed esclusiva emanazione dell’Aifos cui sono stati demandati tutti i compiti amministratiti, organizzativi e di supporto alla didattica ed allo sviluppo del corso (Accordo Stato Regione del 06/10/2006)

Ente Bilaterale

Aifos partecipa all’Ente Nazionale Bilaterale delle Organizzazioni Autonome (E.N.B.O.A.) Promosso dal Cnai e dalla FISMIC. È presente nei consigli di amministrazione degli Enti Regionali bilaterali delle organizzazioni Autonome (ERBOA) in quota datori di lavoro.

I CFA che erogano i corsi tramite il sistema “Gestione corsi” sono in regola con gli adempimenti di comunicazione agli enti bilaterali.

Info: CFA Aifos Associazione Sophis – Via Brodolini, 16 – Battipaglia (SA)

Tel. 0828/333337 info@sophis.biz – www.sophis.biz

 

Programma del corso

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.)

(Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009 art. 37, commi 10,11 e art. 47)

Corso di 32 ore diviso in 4 giornate

Modulo 1

PRINCIPI COSTITUZIONALI E CIVILISTICI; LA LEGISLAZIONE GENERALE E SPECIALE IN MATERIA DI PREVENZIONE INFORTUNI E IGIENE DEL LAVORO; I PRINCIPALI SOGGETTI COINVOLTI ED I RELATIVI OBBLIGHI

Lezione 1

  • Introduzione al corso
  • Gli aspetti generali del D.Lgs. 81/2008
  • Dalle direttive europee ai Decreti Legislativi
  • Legislazione generale in materia di sicurezza
  • I soggetti coinvolti nella prevenzione (dal datore di lavoro ai lavoratori)

Lezione 2

  • Ruolo della medicina del lavoro nella sicurezza
  • L’igiene e la sicurezza sul luogo di lavoro
  • La prevenzione sul lavoro e Registro Infortuni
  • La sorveglianza sanitaria ed il medico competente

Modulo 2 

LA DEFINIZIONE E L’INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO; LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

Lezione 3

  • Definizione del concetto di rischio
  • Individuazione dei fattori di rischio
  • La prevenzione
  • La valutazione del rischio
  • La rilevazione
  • Rischio chimico, fisico, biologico
  • Le misure di prevenzione nel Documento di Valutazione
  • La sorveglianza sanitaria ed il medico competente

Lezione 4

  • L’elaborazione del Documento di Valutazione
  • Classificazione dei fattori di rischio
  • Il ciclo produttivo e la rilevazione dei rischi
  • Le modifiche, aggiornamenti, valutazione, ed applicazione del Documento di Valutazione
  • Aspetti organizzativi

Modulo 3

L’INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE (TECNICHE, ORGANIZZATIVE, PROCEDURALI) DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Lezione 5

  • Pronto soccorso, antincendio, evacuazione emergenza
  • Dispositivi di Protezione Individuale e Collettivi

Modulo 4

ASPETTI NORMATIVI DELL’ATTIVITÀ DI RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI

Lezione 6

  • Il Rappresentante dei Lavoratori e la sicurezza
  • Il RLS ed il sindacato
  • Compiti e funzioni del RLS
  • Le specificità dell’Ente in relazione al processo delle relazioni interne

Modulo 5

NOZIONI DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

Lezione 7

  • Nozioni e tecnica della comunicazione
  • La comunicazione interpersonale
  • Il coinvolgimento del RSL nella verifica del Documento di Valutazione

Modulo 6

Lezione 8

  • La comunicazione interpersonale;
  • Il coinvolgimento del RSL nella verifica del Documento di Valutazione

Test Finale

  • Questionario finale di verifica dell’apprendimento
  • Test finale di gradimento

Aspetti metodologici ed organizzativi

Riferimenti normativi

Questa lezione costituisce il corso obbligatorio per tutti i rappresentanti dei lavoratori in applicazione dell’art. 37 comma 10 e 11 del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81.

Finalità del corso

Il corso vuole fornire ai rappresentanti dei lavoratori (RLS) le conoscenze di base della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro in applicazione della normativa europea. La durata minima del corso è di 32 ore iniziale di cui 12 sui rischi specifici presenti in un azienda e le conseguenti misure di prevenzione e protezione adottate.

Corso di aggiornamento

Il RLS sarà tenuto a frequentare corsi di aggiornamento la cui durata non può essere inferiore a 4 ore annue per le imprese che occupano dai 15 ai 50 lavoratori e a 8 ore annue per le imprese che occupano più di 50 lavoratori.

Destinatari

Tutti i lavoratori di qualsiasi azienda, impresa, servizi, nel settore privato ed il quello pubblico, con qualsiasi tipologia di contratto  (fisso, progetto, temporale, atipico), che sono stati nominati RLS.

Numero massimo partecipanti: 35 unità

Metodologia

Il percorso formativo è caratterizzato da una metodologia didattica fortemente interattiva e applicativa su casi ed esempi reali.

Registro

E’ stato predisposto un Registro delle presenze per ogni lezione del corso sul quale ogni partecipante apporrà la propria firma all’inizio e alla fine di ogni lezione.

Docenti

Tutti i docenti iscritti  all’Aifos hanno una formazione e  competenze pluriennali in  relazione alle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro.

Dispense

Ad ogni partecipante verrà consegnato un CD Rom, o dispensa cartacea, contenente documenti di utilizzo e di lettura utili a completare la formazione conseguita. Il materiale costituisce, altresì, una concreta possibilità di consultazione costante e di continuo aggiornamento.

Verifiche e Valutazione

Il corso si conclude con un test di verifica dell’apprendimento somministrato ad ogni partecipante. Al termine del corso un apposito questionario verrà proposto per la valutazione finale da parte dei partecipanti affinché possano esprimere un giudizio sui diversi aspetti del corso appena concluso.

Attestato

Al  termine  del  corso  verrà  consegnato  l’Attestato  individuale  ad  ogni  partecipante,  numerato, rilasciato da Aifos, ed inserito nel registro nazionale della formazione.

Archivio generale della formazione

Tutti i documenti del corso, programma, registro con firme degli utenti, lezioni, test di verifica nonché la copia dell’Attestato saranno conservati nell’archivio della  formazione di Aifos quale documentazione della formazione avvenuta secondo le procedure interne del sistema qualità.

AIFOS Soggetto formatore

Operante su  tutto il territorio  nazionale individuato ope legis dall’art. 32, comma 4 del D.Lgs.  9 Aprile 2008,n.81 per la realizzazione del corso che ne rilascia il relativo Attestato. Il bollino olografo, apposto a cura del CFA valida l’attestato.

C.F.A. Centro di Formazione Aifos

Struttura  formativa  di  diretta  ed  esclusiva emanazione dell’Aifos cui sono stati demandati tutti i compiti amministratiti, organizzativi e di supporto alla didattica ed allo sviluppo del corso. (Accordo Stato Regione del 06/10/2006)

Info: CFA Aifos Associazione Sophis – Via Brodolini, 16  – Battipaglia (SA)

Tel. 0828/333337 –  info@sophis.biz – www.sophis.biz